Riforme in arrivo per la stazione spaziale internazionale, ISS

Mentre la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) orbita attorno alla Terra, ci sono quattro coppie di pannelli solari che assorbono l’energia del sole per trasformarla in energia elettrica per sostenere i sistemi vitali e le ricerche scientifiche condotte ogni giorno.

La patch ufficiale della ISS

La stazione spaziale è una piattaforma per testare tecnologie avanzate per l’esplorazione umana dello spazio profondo e la future missioni sulla Luna e, Marte. La NASA, da tempo, ha anche aperto la stazione spaziale per attività aziendali e commerciali , comprese le missioni di astronauti privati.

Gli anni si fanno sentire

Inizialmente progettati per una durata di servizio di 15 anni, i suoi pannelli solari hanno funzionato ininterrottamente, fin da quando la prima coppia è stata installata nel dicembre 2000 , con coppie di coppie di pannelli aggiuntivi consegnati a settembre 2006, giugno 2007 e marzo 2009.

Schema di funzionamento dei pannelli

Un disimpegno eccellente

La prima coppia di pannelli solari ha fornito energia elettrica continua alla stazione per più di 20 anni, mentre sono stati aggiunti più moduli, con dozzine di equipaggi che hanno affrontato migliaia di esperimenti scientifici, e continuato le operazioni attraverso centinaia di passeggiate spaziali, missioni cargo e altro ancora.

Una immagine per sintetizzare l’assoluta importanza dei pannelli solari sulla ISS.

Anche se funzionano ancora bene, gli attuali pannelli solari mostrano segni di degrado, come previsto, del resto

Per garantire l’efficienza della stazione, pensando alla nuove tecnologie di esplorazione della NASA per Artemis e oltre, la NASA aumenterà sei degli otto canali di alimentazione esistenti della stazione spaziale con nuovi pannelli solari.

Una sezione dei pannelli durante la costruzione a Terra.

Boeing, l’appaltatore principale della NASA per le operazioni della stazione spaziale, la sua sussidiaria Spectrolab e il principale fornitore Deployable Space Systems (DSS) forniranno i nuovi pannelli.

Prestazioni di nuovo eccellenti

La combinazione degli otto pannelli originali più grandi e dei nuovi più piccoli ed efficienti ripristinerà la generazione di energia originale dei primi tempi, quando i pannelli erano efficienti al 100%.

I nuovi pannelli solari saranno posizionati davanti a sei degli attuali, e utilizzeranno il tracciamento solare, la distribuzione dell’energia e la canalizzazione esistenti.

Schema base della ISS

I nuovi pannelli misureranno leggermente più della metà della lunghezza di quelli originali, e saranno collegati allo stesso sistema di alimentazione per aumentare la fornitura esistente.

Il dispiegamento di un pannello in orbita.

Una garanzia per il futuro

Gli otto pannelli correnti generano fino a 160 kilowatt di potenza durante il giorno orbitale, la metà dei quali è immagazzinata nelle batterie della stazione per essere utilizzata mentre la stazione non è esposta alla luce solare.

Ogni nuovo pannello solare produrrà più di 20 kilowatt di elettricità, per un totale di 120 kilowatt (120.000 watt) di potenza aumentata durante il giorno orbitale. Inoltre, la restante coppia di pannelli solari scoperti e i pannelli originali parzialmente coperti continueranno a generare circa 95 kilowatt di potenza per un totale fino a 215 kilowatt (215.000 watt) disponibili per supportare le operazioni della stazione al completamento.

I pannelli solari saranno consegnati alla Stazione Spaziale Internazionale a coppie nel bagagliaio non pressurizzato del veicolo spaziale cargo SpaceX Dragon durante tre missioni di rifornimento a partire dal 2021.

SpaceX Dragon.

L’installazione di ogni pannello solare richiederà due passeggiate spaziali: una per preparare il cantiere con un kit di modifica e un’altra per installare il nuovo pannello solare.

La ISS.

La NASA ha firmato una modifica al contratto di ingegneria con Boeing per fornire i sei nuovi pannelli solari. Questo garantisce alla Stazione Spaziale Internazionale una potenza sufficiente per mantenere le normali operazioni e mantenere una potenza adeguata per future opportunità nell’orbita terrestre bassa, sia per la NASA che per i suoi partner internazionali o per le società commerciali.

La cupola, osservatorio dell’ISS.

Per Aspera ad Astra

Credit immagini: NASA – SpaceX – Wikipedia.

Passione Astronomia consiglia...
  • Periodo di prova gratuito ad Amazon Kindle Unlimited grazie a Passione Astronomia clicca qui
  • Lo store astronomico clicca qui
Se vuoi sostenere il nostro lavoro puoi fare una donazione