Una tribù solitaria dell’Amazzonia è riuscita a connettersi a internet grazie a Elon Musk, per poi ritrovarsi dipendente dal porno e dai social media.

Una tribù solitaria dell’Amazzonia è finalmente riuscita a connettersi a Internet, grazie a Elon Musk, solo per essere dilaniata dai social media e dalla dipendenza dalla pornografia, lamentano gli anziani. La tribù brasiliana Marubo, composta da 2.000 membri, è rimasta estasiata (almeno all’inizio) dall’arrivo del servizio Starlink nove mesi fa, che ha collegato per la prima volta al web la remota comunità della foresta pluviale lungo il fiume Ituí. “Quando è arrivato, tutti erano felici”, ha detto al New York Times Tsainama Marubo, 73 anni. “Ma ora le cose sono peggiorate. I giovani sono diventati pigri a causa di Internet, stanno imparando i modi dei bianchi” ha spiegato.

Advertisement
Banner Plus

La castità sdoganata da internet

Credit: Navi Global

I Marubo sono una tribù casta, che disapprova persino i baci in pubblico, ma Alfredo Marubo (tutti i Marubo usano lo stesso cognome) ha detto di essere ansioso che l’arrivo del servizio rappresenti un punto di svolta per i loro standard. Alfredo ha detto che molti giovani uomini Marubo hanno condiviso video porno nelle chat di gruppo e ha già osservato in alcuni di loro un “comportamento sessuale più aggressivo”.

Credit: New York Post

Starlink funziona collegando particolari antenne a 6.000 satelliti in orbita bassa. Le antenne sono state donate alla tribù dall’imprenditore americano Allyson Reneau. Inizialmente, Internet era stato annunciato come positivo per la tribù, che sarebbe stata in grado di contattare rapidamente le autorità per chiedere aiuto in caso di emergenza, compresi i morsi di serpente potenzialmente mortali.

La reazione dei membri della tribù

I membri delle tribù ne sono diventati così dipendenti che i leader Marubo, temendo che la loro storia e cultura potessero andare perdute per sempre, hanno limitato l’accesso a Internet a due ore ogni mattina, cinque ore ogni sera e tutto il giorno la domenica. Ma i genitori temono ancora che abbia portato danni irreparabili. Un altro padre, Kâipa Marubo, ha detto di essere preoccupato per il fatto che i suoi figli giochino a violenti giochi sparatutto in prima persona.

Fonte