Il 16 giugno 1963 la cosmonauta sovietica Valentina Tereshkova divenne la prima donna ad andare nello spazio con il suo “volo del gabbiano”

Valentina Tereshkova è nata a Maslennikovo, vicino Yaroslavl, in Russia, il 6 marzo 1937. Suo padre era un autista di trattori e sua madre lavorava in una fabbrica tessile. Interessata al paracadutismo sin da piccola, Tereshkova lo iniziò a praticare in un club di volo locale, facendo il suo primo salto all’età di 22 anni nel maggio del 1959. Al momento della sua selezione come cosmonauta, lavorava come operaio tessile in un locale fabbrica. Dopo il primo volo spaziale umano di Yuri Gagarin, la selezione di tirocinanti cosmonauti femminili fu autorizzata dal governo sovietico, con l’obiettivo di garantire che la prima donna nello spazio fosse una cittadina sovietica.

Valentina Tereshkova
Valentina Tereshkova

La selezione

Il 16 febbraio 1962, su oltre 400 candidati, furono selezionate cinque donne per unirsi al corpo cosmonauta: Tatyana Kuznetsova, Irina Solovyova, Zhanna Yorkina, Valentina Ponomaryova e Valentina Tereshkova. Il gruppo trascorse diversi mesi in addestramento, che includeva voli senza peso, test di isolamento, test di centrifuga, 120 salti con paracadute e addestramento dei piloti su aerei a reazione. Quattro candidati superarono gli esami finali nel novembre del 1962, dopo di che furono commissionati come luogotenenti nell’aeronautica sovietica (il che significa che Tereshkova divenne anche il primo civile a volare nello spazio, dal momento che tecnicamente questi erano solo gradi onorari).

Vostok
Modello della capsula Vostok con il suo stadio superiore

Inizialmente era stata pianificata una missione congiunta che avrebbe visto due donne lanciate su voli Vostok da sole in giorni consecutivi a marzo o aprile 1963. Tereshkova, Solovyova e Ponomaryova erano le candidate principali. Tereshkova doveva essere lanciata con Vostok 5, Ponomaryova con Vostok 6. Tuttavia, questo piano fu cambiato nel marzo del 1963: Vostok 5 lanciò un cosmonauta maschio, Valeri Bykovsky. Le autorità spaziali sovietiche nominarono Tereshkova per il successivo volo.

Valentina Tereshkova
La capsula Vostok 6 e Valentina Tereshkova

Il volo del ‘Gabbiano’

Dopo aver visto il lancio di Vostok 5 al Baikonur Cosmodrome il 14 giugno, Tereshkova completò i preparativi per il suo volo. La mattina del 16 giugno, Tereshkova e Solovyova (cosmonauta di riserva) si preparano entrambe con le tute spaziali e furono portate sulla piattaforma di lancio in autobus. Dopo aver completato i controlli dei sistemi di comunicazione e di supporto vitale, Valentina era pronta nel suo veicolo spaziale. Dopo un conto alla rovescia di due ore, Vostok 6 decollò senza errori e, in poche ore, fu in comunicazione con Bykovsky in Vostok 5 (era la seconda volta che due veicoli spaziali con equipaggio erano nello spazio contemporaneamente). Con il segnale radio “Chaika” (“gabbiano”), Tereshkova era diventata la prima donna nello spazio a 26 anni. 

Valentina Tereshkova
Francobollo commemorativo

L’immagine televisiva di Tereshkova fu trasmessa in tutta l’Unione Sovietica e parlò con Krusciov via radio. Tenne un diario di volo ed eseguì vari test per raccogliere dati sulla reazione del suo corpo al volo spaziale. La sua missione durò poco meno di tre giorni (due giorni, 23 ore e 12 minuti). Con un solo volo, aveva registrato più tempo di volo di tutti gli astronauti americani del programma Mercury. Sia Tereshkova che Bykovsky furono detentori del record. Bykovsky trascorse quasi cinque giorni in orbita e ancora oggi conserva il record per aver trascorso il più lungo periodo di tempo nello spazio da solo.

Riferimenti:

Passione Astronomia consiglia...
  • Periodo di prova gratuito ad Amazon Kindle Unlimited grazie a Passione Astronomia clicca qui
  • Lo store astronomico clicca qui
Se vuoi sostenere il nostro lavoro puoi fare una donazione