Coprendo quasi un quinto della circonferenza di Marte, il sistema Valles Marineris è uno dei canyon più grandi del sistema solare.

Valles Marineris è un sistema di canyon che si estende per 4.000 chilometri su Marte. In alcuni punti, il canyon è largo 200 km e le regioni possono raggiungere una profondità di 10 km. Se il sistema fosse localizzato sulla Terra, si estenderebbe attraverso gli Stati Uniti, da Los Angeles alla costa atlantica. A confronto, la meraviglia naturale della Terra, il Grand Canyon, è lunga 446 km, larga 30 km e profonda 1,6 km. Un canale ventoso su Venere, Baltis Valles, si estende più a lungo del sistema marziano, così come alcune valli sulla Terra

Marte. Credit: NASA

Valles Marineris si estende da est ad ovest appena sotto l’equatore marziano. Inizia a ovest nel Noctis Labyrinthus, un sistema di valli e canyon simili a labirinti, e si estende per circa il 20% del pianeta fino al bacino di Chryse Planitia. Il vasto canyon può essere visto dalla Terra attraverso un telescopio come “una cicatrice scura” sulla superficie del pianeta. Caratteristiche conosciute come chasmata, depressioni ripide che assomigliano a canyon sulla Terra, dominano la regione. Valles Marineris fu scoperto nel 1972 dall’omonimo veicolo spaziale Mariner 9 della NASA, il primo satellite in orbita attorno ad un altro pianeta.

Valles Marineris. Da sinistra a destra: Noctis Labyrinthus, Ius Chasma, Candor Chasma, Melas Chasma, Ophir Chasma, di nuovo Candor Chasma, Coprates Chasma, Capri Chasma. Credit: NASA/JPL

Caratteristiche di Valles Marineris

Il canyon inizia, come detto, nel Noctis Labyrinthus sul bordo occidentale, una regione di materiale che si ritiene abbia origini vulcaniche. Due chasmata parallele, Ius e Tithonium, si estendono verso est e contengono flussi di lava e faglie dal rigonfiamento di Tharsis. Altri tre chasmata, Melas , Candor e Ophir, sono collegati sul lato est. I loro pavimenti contengono materiale eroso e cenere vulcanica. Il pavimento del chasma di Melas contiene il punto più profondo del sistema del canyon. Coprates Chasma si trova più a est, con depositi stratificati ben definiti. Questi depositi potrebbero essersi formati da frane o materiale spazzato dal vento, sebbene una volta la regione potesse aver ospitato laghi isolati.

Vulcani nella regione

Coprates Chasma, uno dei punti più bassi delle Valles Marineris, possiede alcuni vulcani, sebbene siano piccoli rispetto a Olympus Mons, il più grande vulcano del sistema solare, e ai suoi vicini. I coni, alti 400 metri, sono stati identificati solo di recente ed inoltre sono molto giovani, con un’età compresa tra 200 e 400 milioni di anni. Ciò è sorprendente, dato che la maggior parte del vulcanismo marziano ha avuto luogo circa 3,5 miliardi di anni fa.

Le valli di Coprates Chasma a est di Valles Marineris. Questa vista prospettica è stata creata utilizzando i dati della telecamera stereo ad alta risoluzione di DLR a bordo del veicolo spaziale Mars Express dell’Agenzia spaziale europea. Credit: ESA / DLR / FU Berlin, CC-BY-SA 3.0 IGO

Eos e Gange sono un’altra serie di chasmata erosi lentamente nel tempo che contengono depositi vulcanici. Il sistema Valles Marineris sfocia nella regione di Chryse, una delle aree più basse su Marte. L’acqua proveniente dal sistema del canyon sarebbe finita nelle pianure e avrebbe potuto contenere un antico lago o oceano.

Formazione di Valles Marineris

Nel corso degli anni, gli scienziati hanno proposto una serie di teorie sulla formazione di Valles Marineris. L’erosione durante un passato ricco di acqua e il ritiro del magma sotterraneo erano le possibilità. Oggi, la maggior parte degli studiosi pensa che la formazione della regione di Tharsis possa aver aiutato la formazione del canyon. Tharsis contiene numerosi grandi vulcani tra cui Olympus Mons.

Marte ripreso da Massimiliano Veschini. Notate Valles Marineris e sulla sinistra la regione di Tarsis.
Credit: Massimiliano Veschini
https://www.astrobin.com/users/Viper/

Mentre la roccia fusa spingeva attraverso la regione vulcanica per formare i mostruosi vulcani 3,5 miliardi di anni fa circa, la crosta si sollevò verso l’alto. La tensione spezzò la crosta, causando fratture sulla superficie del pianeta. Tali fratture, crescendo nel tempo, hanno dato vita all’enorme sistema di canyon. Le crepe che si allargavano fecero sprofondare il terreno e aprirono una via di fuga per l’acqua sotterranea.

Inondazioni passate

I segni di inondazioni sono particolarmente evidenti all’estremità orientale, nei mesas. L’acqua scorreva attraverso i canali nelle pianure. Gli scienziati non sanno ancora se le inondazioni sono avvenute in un breve lasso di tempo o se un’enorme inondazione abbia generato numerose alluvioni più piccole. Allo stesso tempo, i canyon sono stati lentamente allargati da infiltrazioni di acque sotterranee che trasportavano roccia e sedimenti. Le frane hanno anche contribuito alla morfologia di Valles Marineris estendendosi fino a 100 km. Inoltre i flussi di lava e la cenere dei vulcani vicini potrebbero aver avuto un ruolo determinante nella formazione.

Passione Astronomia consiglia...
  • Periodo di prova gratuito ad Amazon Kindle Unlimited grazie a Passione Astronomia clicca qui
  • Lo store astronomico clicca qui

Riferimenti:

Se vuoi sostenere il nostro lavoro puoi fare una donazione