L’incendio dell’Apollo 1, una tragedia annunciata

L’incendio dell’Apollo 1, che ha causato la morte degli astronauti della NASA Gus Grissom, Ed White e Roger Chaffee, è stato il primo incidente mortale nella storia del volo spaziale umano statunitense. Sebbene l’incidente sia avvenuto durante un test a terra e non in volo, é considerato un vero incidente spaziale perché le sue cause sono state originate dal fallimento del progetto , dalle procedure di sicurezza inadeguate e dalla mancanza del controllo di qualità nella fabbricazione della capsula.

La patch di missione

Apollo 1 doveva essere la prima missione con equipaggio del Programma Apollo , il terzo programma di volo spaziale umano statunitense, con l’obiettivo di far atterrare uomini sulla Luna e riportarli sani e salvi sulla Terra.

Il Block I dopo l’incendio

La missione doveva volare il 21 febbraio 1967, per testare il Modulo di comando / servizio Apollo (CSM), ma non arrivò alla data di lancio a causa di un incendio in cabina durante una prova di lancio di Cape Canaveral 34 , il 27 gennaio 1967.

La missione Apollo 1

L’Apollo 1 (identificato inizialmente come AS-204 ) doveva essere lanciato su un razzo Saturn IB per testare le operazioni di lancio, il tracciamento a terra, e le prestazioni complessive del CSM, poteva durare fino a due settimane.

Il CSM in questione era il cosiddetto Block I, una prima versione di sviluppo costruita dalla North American Aviation prima ancora che fosse scelta la strategia di atterraggio sulla Luna. Il Block I non aveva porta di attracco e poteva essere utilizzato solo per i test in orbita terrestre bassa.

Block I

Quando fu scelta la strategia di atterraggio del rendezvous sull’orbita lunare , la North American Aviation iniziò lo sviluppo del CSM Block II, implementando la capacità di attracco con il Modulo Lunare e la (triste) lezione appresa dal Block I.

Gli astronauti, da sinistra, Gus Grissom, Ed White II e Roger Chaffee si trovano vicino al Launch Complex 34 di Cape Kennedy durante l’addestramento per l’Apollo 1 nel gennaio 1967.

L’incidente

La prova di lancio, il 27 gennaio 1967, fu un test “plug-out”, ossia con la capsula totalmente in autonomia energetica. Il test era necessario per determinare se il veicolo spaziale avrebbe funzionato mentre era scollegato da tutti i cavi e altre connessioni fisiche. Il test era stato eseguito numerose volte in precedenza su capsule Mercury e Gemini, ed era considerato sicuro perché né il veicolo di lancio, né il veicolo spaziale erano caricati con carburante. Anche i sistemi pirotecnici erano assenti. Sebbene la North American Aviation suggerisse di utilizzare una miscela di ossigeno / azoto durante le prime fasi di test a terra del modulo di comando Apollo, la NASA non volle cambiare i metodi che già avevano funzionato per Mercury e Gemini.

Il perché dell’ossigeno puro

Un’atmosfera di ossigeno puro aveva numerosi vantaggi rispetto a un’atmosfera di azoto-ossigeno. I sistemi di supporto vitale erano più semplici, l’atmosfera di ossigeno puro richiedeva una pressione inferiore, consentendo così un design strutturale più sottile e leggero:

Possiamo tranquillamente leggere ECONOMIA PROGETTUALE, un vero e proprio compromesso tra la sicurezza e i costi.

La cabina totalmente devastata dal fuoco

Altro motivo importante era il fatto che un’atmosfera di ossigeno puro al 100%, simile a quella utilizzata nella tuta EVA, riduceva drasticamente la preparazione per le attività extraveicolari. Un’atmosfera di gas misto richiede infatti un lungo protocollo di pre-respirazione, considerata (in quell’epoca) una perdita di tempo sulla Luna.

La NASA, colpevolmente, non fu capace di dare la giusta attenzione ai protocolli di sicurezza necessari per la grande capsula Apollo.
La North American Aviation aveva progettato la capsula per operare nello spazio con un’atmosfera di ossigeno puro al 100% a 5 PSI di pressione, e tutte le misure di sicurezza antincendio erano basate su questo protocollo.

Le tute spaziali dell’equipaggio dopo l’incidente

Ma il test non era condotto nello spazio; era condotto sulla Terra, dove la pressione era di 14,7 PSI nel luogo dei test.
Per simulare una pressione positiva, la pressione interna della capsula venne portata fino a 16,7 psi, creando una concentrazione di ossigeno che rendeva i tessuti e persino i metalli altamente infiammabili, velcro e alluminio, in queste condizioni, possono accendersi con una scintilla.

Con il presupposto che il test era classificato come non pericoloso, non c’era una equipe preparata a reagire al fuoco divampato all’interno della cabina.

Fire damage to Apollo 1 capsule which claimed the lives of Astronauts V. I. Grissom, E.H. White and R.B. Chaffee on Jan 27, 1967.


Il Controllo di missione si rese conto di cosa stava succedendo solo dopo aver ricevuto un messaggio confuso dall’equipaggio, combinato con letture strumentali che indicavano pressione anomala nella capsula.

Nel momento in cui guardarono il monitor, che forniva una vista della finestra della capsula, videro appena delle fiamme biancastre dietro l’obló.
Nelle condizioni di alta pressione descritte, era impossibile aprire il portello, che si apriva con un meccanismo complicato, dall’interno. Gli astronauti morirono quando l’ossigeno delle tute spaziali fu interrotto dal fuoco che bruciava i tubi.

I soccorritori riuscirono ad arrivare vicino alla capsula solo mezz’ora dopo, troppo era il calore, non c’era nessuno equipaggiamento adatto ai soccorsi.

Gli ultimi minuti dell’Apollo 1

L’equipaggio subì un arresto cardiaco, causato (secondo il report) da un’elevata concentrazione di monossido di carbonio.

I corpi presentavano ustioni di terzo grado, il report di missione “presuppone” che furono causate pos-mortem.

L’asfissia avvenne dopo che il fuoco sciolse le tute spaziali e i tubi di ossigeno, lasciando l’equipaggio in balia di una atmosfera mortale.

L’incendio inizió molto probabilmente vicino al pavimento, sotto il sedile del comandante Grissom, diffondendosi dal pannello sinistro della cabina a quello destro, cosí veloce da impedire agli astronauti di tentare qualsiasi manovra per aprire il portellone.

La tuta di Grissom

Venne notato che alcuni fili di rame argentato erano senza parti dell’isolamento, forse per causa di un cablaggio non eseguito correttamente, ma anche probabilmente dall’apertura e chiusura ripetuta di una piccola porta di accesso.

Questo danno al cablaggio si trovava vicino a una linea di raffreddamento ad acqua / glicole etilenico che era soggetta a perdite, conosciute da tutti ma che non avevano avuto soluzione, semplicemente non se ne era occupato nessuno.

Molti materiali, come il velcro, che fu utilizzato in tutta la navicella per un totale di oltre 3 metri quadrati sono altamente infiammabili in condizioni di ossigeno puro in pressione. Nella capsula c’erano anche circa 30 kg di altri materiali infiammabili non metallici.

La Nasa espone il portello di Apollo 1

A causa dell’elevata pressione interna, era impossibile rimuovere il portello senza aprire uno sfiato della cabina per far diminuire la pressione, ma la valvola, si trovava nella parte sinistra della cabina, sotto il sedile di Grissom, dove ebbero inizio le fiamme.

Il suggerimento della North American Aviation di utilizzare bulloni esplosivi per l’apertura di emergenza del portello non fu approvato dalla NASA, perché si temeva una apertura accidentale del portello in volo.

Bloccati all’interno

I membri dell’equipaggio furono sorpresi dall’incendio mentre stavano esaminando la loro lista di controllo.
L’incendio provocò un rapido aumento della temperatura e della pressione in cabina, conclusosi 15 secondi dopo le prime parole di White:

“Ho un incendio in cabina di pilotaggio!”


Testimoni riferirono di aver visto White sui monitor che raggiungeva la maniglia di rilascio del portello interno, mentre le fiamme stavano riempiendo la cabina, muovendosi rapidamente dal punto di accensione.

Sei secondi dopo, seguito dai rumori della navicella che si rompeva a causa dell’alta pressione, un’altra voce annuncia:

“C’è un brutto incendio!”

L’ultima comunicazione drammatica fu di Chaffee che urlò:

“Sto bruciando!“

La rottura del modulo di comando segnò l’inizio della seconda, breve, fase dell’incendio, caratterizzata dallo sfogo dei gas attraverso la rottura della capsula in pressione.

In questo audio gli ultimi istanti di vita dell’equipaggio
La capsula dopo la tragedia

Quando il personale di terra riuscì finalmente ad entrare nella navicella scoprirono che il fuoco aveva in parte sciolto non solo le tute spaziali in nylon di Grissom e White, ma anche il tubo che le collegava al sistema di supporto vitale. White fu trovato appena sotto il portello e venne accertato che aveva tentato di aprire il portello secondo la procedura di emergenza, non fu grado di farlo a causa della pressione interna. Chaffee fu trovato al suo posto, poiché la procedura era per lui mantenere la comunicazione fino a quando White non aprisse il portello.

I funerali dell’equipaggio di Apollo 1
Imparare dagli errori

In seguito all’incidente, il progetto del Blocco I fu abbandonato , spingendo in avanti il ​​veicolo spaziale del Blocco II con modifiche significative nel progetto. Sebbene la capsula conservasse un’atmosfera di ossigeno puro di 5 PSI per le operazioni spaziali, si decise di utilizzare un’atmosfera di azoto-ossigeno a terra.

Anche il design della tuta spaziale fu modificato con un tessuto non infiammabile. Anche i materiali potenzialmente infiammabili in cabina furono sostituiti con versioni autoestinguenti. Inoltre, il portello del Block II venne modificato per poter essere aperto verso l’esterno in massimo 30 secondi.

Gene Kranz

Dopo l’incidente, il direttore del volo della NASA Gene Kranz decretò il cambiamento nell’approccio alle missioni e ai test a terra.

Il Flight Control fu riclassificato con due parole:

Tough and Competent.

Duro deve significare che siamo sempre responsabili di ciò che facciamo o di ciò che non riusciamo a fare.
Non comprometteremo mai più le nostre responsabilità.
Competenza significa che non daremo mai nulla per scontato. Il Mission Control sarà perfetto. Quando lascerete questa riunione oggi andrete in ufficio e la prima cosa che farete lì sarà scrivere Duro e Competente sulle lavagne. Non verrà mai cancellato. Ogni giorno quando entreremo nella stanza, queste parole ci ricorderanno il prezzo pagato da Grissom, White e Chaffee.
Queste parole saranno il prezzo per l’ammissione ai ranghi del Mission Control.

La tragedia di Apollo 1 fu una lezione per la NASA, in cui dovette aumentare di molto i protocolli di sicurezza, un prezzo altissimo, che fu pagato con tre vite umane.

In memoria

Per Aspera ad Astra

Passione Astronomia consiglia...
  • Periodo di prova gratuito ad Amazon Kindle Unlimited grazie a Passione Astronomia clicca qui
  • Lo store astronomico clicca qui
Se vuoi sostenere il nostro lavoro puoi fare una donazione