Eugene Cernan, la storia dell’ultimo uomo che ha camminato sulla Luna nel dicembre del 1972 a bordo della missione Apollo 17

Cernan nasce il 14 marzo 1934, con padre di origine slovacca, e la madre di origine ceca. Cresce in Illinois, da giovane entra nei boy scout, in cui apprende rapidamente il ruolo della gerarchia e il senso di appartenenza al gruppo.

Studia alla Purdue University, la stessa in cui si era formato Neil Armstrong e, nel 1956, si laurea in ingegneria elettrica.

La carriera militare di Cernan

Dall’università passa direttamente a servire la marina USA, dove partecipa ai corsi di volo militare, in breve si distacca dalla media degli altri piloti, collezionando oltre 5000 ore di volo in jet militari, con 200 appontaggi in portaerei.

L’ingresso alla NASA

Nel 1963, dopo aver fatto domanda di arruolamento, è scelto come astronauta nel terzo gruppo degli astronauti dell’ente spaziale americano.

NASA Astronaut Group 3

L’esordio nello spazio di Cernan

3 giugno 1966

Cernan ha passato gli esami psicofisici per astronauti ed é riserva per i voli Gemini. Gemini IX ha l’importante compito di testare manovre in EVA con nuovi strumenti, tra i quali un sistema sviluppato dall’aeronautica militare.
Cernan e Stafford devono sostituire i due astronauti titolari, Elliott See e Charles Bassett, tragicamente scomparsi il 23 febbraio dello stesso anno in un incidente con un aviogetto pilotato da See.

Il pericolo dello spazio


Durante la EVA Cernan si rende conto che la preparazione a terra non è stata sufficiente, che muoversi nello spazio senza punti di aggancio provoca movimenti scompensati e richiede troppa fatica.
Ogni movimento genera una reazione contraria che lascia Cernan senza (letteralmente) fiato.

La difficile EVA di Cernan – Gemini IX
Credit: NASA


L’iperventilazione, causata dagli inutili sforzi, mette in crisi il sistema di supporto vitale della tuta, la visiera si appanna, ed è quasi panico, il rischio di non riuscire a rientrare nella capsula è reale.

Thomas P. Stafford and pilot Eugene A. Cernan
Credit: NASA

Cernan é esausto, il comandante Stafford non può lasciare il suo posto perchè è ritenuta una manovra all’oscuro mai testata prima, con fatica Cernan rientra e tutto torna alla normalità.

Una foto di Gemini IX scattata da Cernan durante la EVA
Credit: NASA


A terra i medici calcoleranno in 3 kg il peso perso in 128 minuti di attività extra veicolare, nelle prossime capsule apposite maniglie per mani e piedi renderanno tutto più facile.


Esordisce l’importante (e attualmente usato) addestramento in acqua, l’unico sistema per simulare parzialmente la mancanza di gravità, indispensabile per riuscire a preparare al meglio gli astronauti.

I test in acqua per l’addestramento degli astronauti.
Credit: NASA

Apollo 10 – la sua prima Luna

22 maggio 1969

Cernan aveva dimostrato eccellenti doti di auto controllo con Gemini IX, viene quindi incaricato insieme a Stafford, con cui aveva dimostrato forte affiatamento, a fare il primo test del LM in orbita lunare.

Earth Rise vista da Apollo 10
Credit: NASA

Apollo 10 é la prova generale prima del tentativo di allunaggio con la missione 11.
I parametri di missione prevedono di sorvolare e fotografare le aree candidate, il Lm Snoopy si stacca dal Csm Charlie Brown, e scende dai 110 km di altitudine fino a poco meno di 16 km, Tomas Stafford e Gene Cernan scattano molte foto e “litigano” un paio di volte con i sistemi di volo, il Lm tende a ruotare su se stesso, e questo ovviamente non va bene, l’uso dei comandi manuali permette di continuare la missione, questo problema si ripeterà anche con Apollo 11.

Il LM Snoopy di Apollo 10 sorvola la superficie lunare a soli 15 km di quota.
Credit: NASA

Il mito del possibile “ammutinamento.”

Una missione poco divulgata e conosciuta che porta con sé un aneddoto… la NASA “avrebbe” messo poco propellente nello stadio di discesa del modulo lunare, per impedire che l’equipaggio tentasse un allunaggio forzato, contro tutti gli ordini e parametri di missione.

Ma la NASA non avrebbe mai inviato una missione con meno combustibile, perché aveva bisogno di testare carichi reali e, soprattutto, non avrebbe rischiato la vita degli equipaggi.

Il CSM Charlie Brown in orbita lunare.
Credit: NASA

Il senso del dovere

Gli astronauti erano militari di alto grado, allunare contro ordini diretti sarebbe stato considerato ammutinamento, la loro carriera distrutta e giudicati da un tribunale militare, prendendo vari anni di carcere, e non era davvero il caso.

Cernan, insieme a Stafford, dimostra ancora una volta di meritare il ruolo affidatogli, tornerà in una prossima missione Apollo, con il ruolo di comandante, sará l’ultima del programma, la 17.

Apollo 17 crew

L’ultimo uomo sulla Luna

Cernan, con grande carattere, aveva rifiutato il ruolo di pilota del LM per Apollo 16, perchè voleva essere comandante. Quasi perse tutto perché, nel frattempo, la pressione poltica e l’opinione pubblica avevano fatto cancellare tre missioni, la 18, 19 e 20.

All’improvviso non c’erano poi cosí tanti posti per andare sulla Luna ma, Cernan era ormai considerato uno degli astronauti piú esperti, e il ruolo di comandante era suo.

Il punto in cui scese Apollo 17

Per la prima volta una missione lunare portava uno scienziato sulla Luna, Harrison Schmitt, di cui potete leggere la storia in questo articolo.

Apollo 17 fu l’ultima missione lunare degli Stati Uniti, fu la missione dei record, era la prima volta che il Saturn V decollava in notturna, le fiammate furono viste a decine di km di distanza, e l’area di lancio fu illuminata a giorno.

Il lancio in notturna di Apollo 17

Record nella raccolta di campioni lunari, oltre 110 kg, di qualitá naturalmente superiore, visto che c’era un vero geologo sul luogo della raccolta.

“Entrammo nell’oscurità dopo essere stati alla luce del giorno per tutto il tempo sulla via della Luna. Eravamo caduti nell’ombra … della Luna.

“Eugene Cernan – CDR Apollo 17 Dicembre 1972

Cernan, scherzando, si vantava di aver toccato quasi i 20 km/h con il rover lunare, in discesa, e il suo compagno Schmitt, che non era un pilota militare ma un tranquillo scienziato, non approvò pienamente questo fatto, ma in ogni caso la serietá di Cernan non fu mai messa in dubbio.

La spettacolare regione di Taurus Littrow

Gene Cernan, con il giusto orgoglio, diceva sempre che era lui l’ultimo uomo ad aver camminato sulla Luna, visto che, per il protocollo di missione, il comandante era l’ultimo a rientrare nel LM.

Cernan con la figlia Teresa

Gene promise alla figlia Teresa , prima di partire, che le avrebbe portato a casa una pietra lunare, non fu possibile, visto che i reperti lunari sono classificati come proprietá dellla NASA, ma ebbe l’idea di lasciare sulla superficie una sua foto.

Il sito di Apollo 17 fotografato dalla sonda LRO.

Anche quando ritorneremo sulla Luna, Cernan sarà sempre ricordato come l’ultimo uomo sulla Luna, l’ultimo di una avventura fantastica, il programma Apollo.

In memoria

Per Aspera ad Astra

Passione Astronomia consiglia...
  • Periodo di prova gratuito ad Amazon Kindle Unlimited grazie a Passione Astronomia clicca qui
  • Lo store astronomico clicca qui
Se vuoi sostenere il nostro lavoro puoi fare una donazione