Ecco una serie di affascinanti curiosità che riguardano la Luna, per impressionare amici e parenti quando si parla del nostro satellite.

La Luna è il nostro satellite naturale, ma è più lontana dalla Terra di quanto non si pensi. Pensate che dista circa 400mila chilometri dal nostro pianeta, una distanza così grande da poterci inserire gli altri sette pianeti del sistema solare in fila. Altra curiosità interessante che riguarda la Luna, il fatto che gli astronauti di tre missioni Apollo della NASA abbiano posizionato degli speciali riflettori sulla superficie lunare che servono a misurare con estrema precisione la distanza Terra-Luna. Tra l’altro ci hanno rivelato che il nostro satellite si allontana dalla Terra ad un ritmo di circa 4 cm l’anno.

La Luna è grande quanto gli Stati Uniti (o l’Europa)

Sì. Se misurata da parte a parte, la Luna ha un diametro che equivale a quello degli Stati Uniti d’America o dell’Europa. In totale, la Luna è grande un quarto della Terra, in larghezza. Questo significa che la Terra è anche 4 volte più larga della Luna. Altra domanda che ci si fa spesso è: di che colore è la Luna? Il fatto che a volte tenda ad apparire arancione o rossa non è altro che un effetto causato dalla luce che passa attraverso l’atmosfera terrestre. Quando la vediamo biancastra, invece, è perché la sua superficie è illuminata dal Sole (il nostro satellite non emette luce propria). Il colore reale della Luna è grigio, come quello di un vecchio asfalto consumato.

In molti ci chiedono perché vediamo sempre lo stesso lato della Luna. Anche se non sembra, la Luna ruota sul suo asse proprio come la Terra. Vediamo sempre la stessa faccia perché orbita attorno al nostro pianeta nello stesso tempo che impiega a ruotare. Il motivo è legato alla gravità e alle forze che causano le maree. In realtà non esiste un vero e proprio “lato oscuro”: le sue mutevoli fasi dimostrano come l’area illuminata dal Sole cambi ogni mese. Tra l’altro vi sarà anche capitato di vedere delle zone nere, sulla sua superficie. Non sono altro che bacini vulcanici creati da antichi impatti meteoritici avvenuti miliardi di anni fa.

Come si è formata?

Tra le curiosità più ricorrenti il fatto che la Luna si sia formata dall’impatto di un altro grande corpo celeste con la Terra (gli astronomi lo hanno soprannominato Theia), dal quale si sarebbe formato il nostro satellite. Altra cosa interessante la presenza di atmosfera (e forse anche di un suo campo magnetico), in un lontano passato della Luna. Oggi, invece, sul nostro satellite non c’è atmosfera che schermi il vento solare. Ma torniamo alle missioni lunari.

Tra sonde, veicoli, targhe, bandiere e oggetti personali, sono tante le cose lasciate sulla Luna dagli astronauti che ci sono stati. Pensate che Alan Shepard, durante la missione Apollo 14, vi lasciò pure due palline da golf. A proposito, per raggiungere il nostro satellite venne utilizzato il più grande razzo di sempre, il mitico Saturn V: era alto più o meno come il Duomo di Milano (108 m) e quasi 20 metri in più della Statua della Libertà.

Chiudiamo la nostra “carrellata” di curiosità con una banalità: sulla Luna ci siamo stati eccome! Lo dimostra il fatto che l’impronta di Neil Armstrong sia ancora lì (e ci rimarrà per sempre, perché sulla Luna non c’è aria, né vento). Fa strano ribadirlo, ma molti credono che le missioni Apollo fossero un modo per dimostrare ai sovietici la superiorità tecnologica degli Usa. A breve faremo un approfondimento sulla teoria secondo la quale il regista Stanley Kubrick simulò l’allunaggio sul set e cercheremo di capire insieme cosa c’è di vero in questa storia. Alla prossima!

Riferimenti: https://solarsystem.nasa.gov/news/1946/five-things-to-know-about-the-moon/

Passione Astronomia partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it