La superficie di Marte è sterile e inospitale, ma forse non è sempre stato così. Secondo un nuovo studio finanziato dalla NASA, miliardi di anni fa il clima su Marte era molto simile a quello della Terra. Ecco le prove.

Che Marte sia un pianeta arido e inospitale è sotto gli occhi di tutti. Le cose, però, non sono sempre state così e, anzi, nel passato di Marte ci sarebbe un clima molto simile a quello della Terra. Una nuova simulazione della NASA rivela che tre miliardi di anni fa il clima marziano era molto simile a quello della Terra odierna, con oceani e ghiacciai. Gli scienziati credono anche che il periodo in cui Marte avrebbe potuto ospitare la vita sia più lungo di quanto ci si aspettasse in precedenza.

Marte
Marte, come doveva apparire tre miliardi di anni fa. Credit: F. Schmidt/NASA/USGS/ESA/ DLR/FU Berlino (G. Neukum)

Come è diventato il pianeta inospitale che vediamo oggi

Il tardo periodo noachiano (da 4,1 a 3,5 miliardi di anni fa) è il periodo ritenuto abitabile su Marte, con piogge in prossimità dell’equatore, come dimostrano le valli erose dall’acqua trovate sulla superficie del pianeta rosso. Tuttavia, con il passare degli anni Marte arrivò gradualmente al clima attuale, con un’atmosfera troppo fredda e sottile per supportare l’acqua liquida, ingrediente necessario per l’evoluzione della vita. Gli scienziati stanno cercando di capire quanto sarebbe durato questo periodo di abitabilità.

Capire il clima nel passato di Marte non è cosa semplice, dato che le caratteristiche della superficie non sembrerebbero supportare né un clima caldo e umido, né freddo e secco. Un clima caldo e umido, ad esempio, avrebbe prodotto grandi erosioni d’acqua corrente: il problema è che ci sono poche valli di questo tipo, che risalirebbero a quel periodo. D’altra parte un clima troppo freddo avrebbe congelato qualsiasi oceano per la maggior parte del tempo. È pur vero che un clima freddo moderato avrebbe permesso all’acqua di passare dall’oceano alla terra sotto forma di neve e ghiaccio, ma anche questo avrebbe impedito la formazione di tsunami, che, un po’ a sorpresa, ci sono stati su Marte.

Le nuove simulazioni della NASA mostrano che il clima, nel passato di Marte, avrebbe potuto essere freddo e umido. Gli scienziati ritengono che si sarebbe formato un oceano nella parte settentrionale del pianeta, che sarebbe rimasto liquido nonostante le rigide temperature esterne. In più, l’atmosfera di Marte è composta principalmente da anidride carbonica. Se in passato fosse stata più densa, avrebbe intrappolato il calore consentendo all’acqua di rimanere allo stato liquido, sulla superficie del pianeta.

L’antico clima di Marte è stato simulato usando il GCM della NASA. Gli ingegneri hanno messo insieme l’attuale paesaggio marziano con le alture, i crateri e tutto il resto; poi hanno rimosso tutte le calotte glaciali attuali e hanno inserito un piccolo oceano settentrionale, fissando i confini indicati dalle prove geologiche attuali. Una futura missione spaziale chiamata Mars Ice Mapper sarà in grado di studiare la struttura del sottosuolo marziano per cercare le prove di questo antico oceano.

Riferimenti:

Passione Astronomia partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it