Mentre la sonda continua a restituire dati scientifici, il team della missione sta cercando l’origine di un problema con i dati del sistema.

Il team di ingegneri della sonda spaziale Voyager 1 della NASA sta cercando di risolvere un mistero: l’esploratore interstellare funziona normalmente, riceve ed esegue comandi dalla Terra, oltre a raccogliere e restituire dati scientifici. Ma le letture del sistema di articolazione e controllo dell’assetto della sonda (AACS) non riflettono ciò che sta effettivamente accadendo a bordo. L’AACS controlla l’orientamento del veicolo spaziale da 45 anni e, tra le altre attività, mantiene l’antenna ad alto guadagno di Voyager 1 puntata precisamente verso la Terra, consentendogli di inviare i dati a casa. Tutti i segni suggeriscono che l’AACS stia ancora funzionando a dovere, ma i dati di telemetria che sta restituendo non sono validi. Ad esempio, i dati potrebbero sembrare generati casualmente o non riflettere alcun possibile stato in cui potrebbe trovarsi l’AACS.

Il problema non ha attivato alcun sistema di protezione, progettato per mettere il veicolo spaziale in “safe-mode”, uno stato in cui vengono eseguite solo le operazioni essenziali, dando agli ingegneri il tempo di diagnosticare il problema. Anche il segnale della Voyager 1 non si è indebolito, il che suggerisce che l’antenna ad alto guadagno è rimasta nell’orientamento corretto con la Terra.

Voyager 2
Rappresentazione artistica della Voyager 2. Credit: NASA

Nello spazio interstellare

Il team continuerà a monitorare da vicino il segnale e a determinare se i dati non validi provengano direttamente dall’AACS o da un altro sistema coinvolto nella produzione e nell’invio di dati di telemetria. Fino a quando la natura del problema non sarà meglio compresa, il team non può prevedere se ciò potrebbe influire sul tempo restante in cui il veicolo spaziale potrà raccogliere e trasmettere dati scientifici.

La Voyager 1 si trova attualmente a 23,3 miliardi di chilometri dalla Terra e la luce impiega 20 ore e 33 minuti per percorrere quella distanza. Ciò significa che ci vogliono circa due giorni per inviare un messaggio a Voyager 1 e ottenere una risposta, un ritardo a cui il team della missione è ben abituato.

Un mistero come questo è all’ordine del giorno in questa fase della missione Voyager“, ha affermato Suzanne Dodd, responsabile delle missioni Voyager 1 e 2 presso il JPL. “I veicoli spaziali hanno entrambi quasi 45 anni, il che è molto al di là di quanto previsto dai pianificatori della missione. Siamo anche nello spazio interstellare, un ambiente ad alta radiazione in cui nessun veicolo spaziale ha mai volato prima.”.

È possibile che il team non riesca a trovare la fonte dell’anomalia e si adatti invece ad essa, ha detto Dodd. Se trovano la fonte, potrebbero essere in grado di risolvere il problema attraverso modifiche al software o potenzialmente utilizzando uno dei sistemi hardware ridondanti del veicolo spaziale.

Non sarebbe la prima volta che il team Voyager fa affidamento su hardware di backup: nel 2017, i propulsori primari della Voyager 1 hanno mostrato segni di degrado, quindi gli ingegneri sono passati a un altro set di propulsori che erano stati originariamente utilizzati durante i flyby dei pianeti. E quei propulsori funzionavano, nonostante fossero inutilizzati da 37 anni.

Il gemello della Voyager 1, la Voyager 2 (attualmente a 19,5 miliardi di chilometri, dalla Terra), continua invece a funzionare normalmente.

Il destino delle Voyager

Lanciati nel 1977, entrambi i Voyager hanno operato molto più a lungo di quanto previsto dai pianificatori di missioni e sono gli unici veicoli spaziali a raccogliere dati nello spazio interstellare. Le informazioni che forniscono da questa regione hanno contribuito ad aumentare la comprensione dell’eliosfera, la barriera che il Sole crea attorno ai pianeti del nostro sistema solare.

Ogni veicolo spaziale produce circa 4 watt in meno di energia elettrica all’anno, limitando il numero di sistemi che il veicolo può tenere accesi. Il team di ingegneri della missione ha spento negli anni i vari sottosistemi e riscaldatori per riservare energia agli strumenti scientifici e ai sistemi vitali. Nessuno strumento scientifico è stato ancora spento a causa della diminuzione della potenza e il team di Voyager sta lavorando per mantenere in funzione le due navicelle spaziali e continuare a restituire dati oltre il 2025.

Riferimenti: NASA\JPL

Passione Astronomia partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it