La bellissima costellazione di Orione svetta sopra una fitta coltre di nebbia, che come per magia sovrasta il lago di Garda in una gelida nottata di inizio anno.

Costellazione di Orione
Nubi ed Orione. Fotografie di Stefano Maraggi
Costellazione di Orione
Ecco la costellazione di Orione. Fotografie di Stefano Maraggi

.

Siamo ormai giunti nel 2022, e l’inizio del nuovo anno pare decisamente incoraggiante, almeno a livello fotografico! Il primo giorno ha infatti regalato a noi abitanti del Lago di Garda una situazione davvero rara e speciale, che oggi voglio condividere con voi. Il brusco innalzamento delle temperature che ha caratterizzato gli ultimi giorni del 2021 ha contribuito a creare importanti banchi di nebbia in pianura. E così, a capodanno, grazie ai venti in direzione nord, il Lago di Garda è stato letteralmente sommerso da una fittissima coltre di nebbia, depositatasi a pochi metri dal suolo. È bastato salire in minima altura per godere di una vista davvero mozzafiato. Una volta scesa la notte, il cielo era veramente terso, grazie anche alla nebbia che limitava l’inquinamento luminoso caratteristico di queste zone. Quale migliore occasione per scattare qualche immagine in una cornice unica! A gennaio, verso est, possiamo ammirare il sorgere della costellazione di Orione. Sicuramente una delle più famose ed affascinanti, sia a livello visivo che per la mitologia che si cela dietro il gigante cacciatore. All’interno di questa costellazione troviamo tantissimi oggetti celesti davvero iconici e meravigliosi e tante stelle bellissime e luminose. Immancabile soffermarsi sulle classiche tre stelle che compongono la cintura e scorgere poco sotto l’enorme nebulosa (M42), ben visibile anche a occhio nudo. Nelle vicinanze troviamo anche le nebulose Fiamma e Testa di Cavallo. Le stelle più famose facenti parte della costellazione, oltre alle tre iconiche che compongono la cintura sono la supergigante rossa Betelgeuse, Rigel (la più luminosa della costellazione) e Bellatrix. Per realizzare questa immagine si è resa necessaria una multiesposizione, utilizzando anche un astroinseguitore. In conclusione auguro a tutti i lettori un felice anno nuovo, auspicando che questo 2022 sia di gran lunga migliore dei due precedenti. A presto, Stefano.

Attrezzatura e dati di scatto per il cielo:

Canon Eos 6D, Canon EF 16-35L:

  • 1x pose con astroinseguitore
  • 60s
  • f/4
  • ISO 1600

Vorresti vivere avventure simili e imparare a realizzare ed editare scatti come questo? Contattaci!
Siamo disponibili per Workshop privati, sia online che sul campo.

Per curiosità e tanti altri scatti vi aspetto sui miei social, che trovate qui sotto:
Stefano Maraggi: Instagram & Facebook


Inoltre:

Passione Astronomia consiglia...
  • Periodo di prova gratuito ad Amazon Kindle Unlimited grazie a Passione Astronomia clicca qui
  • Lo store astronomico clicca qui
  • Passione Astronomia partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Passione Astronomia partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it