Il rover Perseverance ha raggiunto un’area ritenuta molto interessante dagli scienziati per la presenza di arenaria.

Il rover Perseverance Mars della NASA ha iniziato a esplorare un’area che il team scientifico chiama “Yori Pass” vicino alla base dell’antico delta del fiume Jezero Crater. Gli scienziati erano molto interessati a esplorare la regione dopo aver individuato una roccia simile a quella di cui Perseverance ha raccolto campioni a luglio.

Le caratteristiche di queste rocce sono importanti per gli scienziati perché si tratta di arenaria, che è composta da grani fini trasportati dall’acqua prima di depositarsi e formare la pietra. Questi campioni di Perseverance sono fondamentali anche per la campagna Mars Sample Return della NASA-ESA che prevede il ritorno degli stessi sulla terra per le analisi.

Raccolta e analisi di rocce sedimentarie

Immagine dello “Yori Pass” scattata dal rover Perseverance Mars della NASA il 5 novembre 2022. Credits: NASA/JPL-Caltech

Gli scienziati danno priorità allo studio di rocce sedimentarie a grana fine per la ricerca di sostanze organiche e potenziali firme biologiche. La cosa particolarmente interessante dell’affioramento di Yori Pass è che lateralmente è equivalente all’Hogwallow Flats, dove erano già state trovate rocce sedimentarie a grana molto fine. Ciò significa che il letto di roccia si trova alla stessa altezza dell’Hogwallow e ha un’ampia impronta tracciabile visibile sulla superficie.

La caccia nel cratere Jezero per trovare firme biologiche (qualsiasi caratteristica, elemento, molecola, sostanza o caratteristica che possa servire come prova di vita passata) è uno dei quattro obiettivi scientifici del rover Perseverance. Insieme ai suoi 14 campioni di roccia, il rover ha raccolto un campione atmosferico e i tubi per la cattura di eventuali contaminanti presenti nella zona di prelievo, tutti conservati nella pancia del rover.

Dopo aver raccolto un campione da Yori Pass, Perseverance procederà per 227 in direzione sud-est fino a una mega increspatura di sabbia. Situata nel mezzo di un piccolo campo di dune, l’increspatura – chiamata “Observation Mountain” dal team scientifico – sarà il punto in cui il rover raccoglierà i suoi primi campioni di regolite, roccia frantumata e polvere.

Un obiettivo chiave per la missione di Perseverance su Marte è l’astrobiologia, inclusa la raccolta di campioni che potrebbero contenere segni di antica vita microbica. Il rover caratterizzerà la geologia del pianeta e il clima passato, aprirà la strada all’esplorazione umana del Pianeta Rosso e sarà la prima missione a raccogliere e immagazzinare roccia e regolite marziane.

Le successive missioni della NASA, in collaborazione con l’ESA, invieranno veicoli spaziali su Marte per raccogliere questi campioni sigillati dalla superficie e riportarli sulla Terra per un’analisi approfondita.

Riferimenti: NASA\JPL

Se sei arrivato fin qui è perché hai ritenuto il nostro articolo degno di essere letto fino alla fine. Da sempre Passione Astronomia prova a costruire, attraverso la divulgazione scientifica, una comunità di persone più informate e consapevoli. È anche il motivo per cui abbiamo deciso di scrivere un libro dedicato all’astronomia. È scritto in modo chiaro e semplice, proprio perché per noi la divulgazione deve essere accessibile a tutti. Lo trovi qui.

Grazie!

Passione Astronomia partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it