Il 12 Maggio è stata indetta una conferenza stampa organizzata dal progetto dell’ESO e dell’EHT per presentare i nuovi straordinari risultati ottenuti dall’EHT sulla Via Lattea

Il 12 Maggio alle ore 15:00 (ora italiana) è stata convocata una conferenza stampa organizzata dal progetto dell’ESO (European Southern Observatory o Osservatorio Europeo Australe) e dell’EHT (Event Horizon Telescope o Telescopio per l’Orizzonte degli Eventi) per presentare i nuovi risultati ottenuti dall’EHT sulla Via Lattea. Ancora non si conoscono quali possano essere ma tutto fa presagire a risultati incredibile. Noi ovviamente seguiremo l’annuncio in diretta. Ecco il link alla live (attivate il promemoria) https://www.youtube.com/watch?v=r2fRn2qvZQg

Ecco il link
Via Lattea
La Via Lattea. Credit: Daniele Gasparri

Qualche info sulla nostra Galassia

Le stelle della Via Lattea sono disposte secondo uno schema “a girandola” con quattro bracci principali. Il nostro sistema solare è collocato nel braccio di Orione a circa due terzi di distanza dal centro. Si pensa che la maggior parte delle stelle nella nostra galassia posseggano pianeti. Migliaia di questi esopianeti sono stati scoperti finora, con altre migliaia di candidati in attesa di conferma. Molti di questi sistemi planetari appena scoperti sono abbastanza diversi dai nostri. Tutte le stelle della Via Lattea orbitano attorno a un buco nero supermassiccio al centro della galassia, che è stimato essere quattro milioni di volte più massiccio del nostro Sole. Fortunatamente, è a una distanza di sicurezza dalla Terra, a circa 28.000 anni luce. La nostra galassia (diametro 100.000 anni luce) è una delle innumerevoli miliardi nell’universo, ciascuna con milioni, o più frequentemente miliardi, di stelle proprie. La Via Lattea si snoda lungo un’orbita galattica a una velocità media di circa 828.000 km/h. Il nostro sistema solare impiega circa 230 milioni di anni per compiere una rivoluzione attorno al centro galattico. La Via Lattea per i Greci rappresentava del latte perso da Era mentre allattava Ercole, che versandosi si sparse nel cielo. Ercole, infatti, era figlio di Zeus e della mortale Alcmena la quale, per paura di ritorsioni da parte della consorte del re degli dèi, lo abbandonò subito dopo la nascita. Qui l’articolo completo.

Immagine di copertina credit Daniele Gasparri

Fonte: ESO

Passione Astronomia partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it