Questa struttura della Via Lattea si estende per circa 3000 anni luce, contiene giovani stelle e nubi di gas ed ha un orientamento completamente diverso da quello del braccio galattico

Gli scienziati hanno individuato una caratteristica precedentemente non riconosciuta della nostra galassia, la Via Lattea: giovani stelle e nubi di gas sporgono da uno dei bracci a spirale della Via Lattea come “una scheggia che spunta da un’asse di legno” estesa per circa 3000 anni luce.

Rappresentazione artistica della 'rottura' scoperta
Rappresentazione artistica della ‘rottura’ scoperta. Credit: NASA/JPL-Caltech

I bracci della nostra Galassia

Gli astronomi hanno un’idea approssimativa delle dimensioni e della forma dei bracci della Via Lattea ma non possono vedere l’intera struttura della nostra galassia perché la Terra è al suo interno. Per saperne di più, gli autori del nuovo studio si sono concentrati su una porzione vicina di uno dei bracci della galassia, chiamato Braccio del Sagittario. Utilizzando lo Spitzer Space Telescope della NASA hanno cercato stelle appena nate, all’interno di nubi di gas e polvere (le nebulose).

Via Lattea
La Via Lattea. Credit: Daniele Gasparri
https://www.danielegasparri.com/

Regolarmente le giovani stelle e le nebulose seguono la forma dei bracci in cui risiedono. Per ottenere una vista 3D del segmento del braccio, gli scienziati hanno utilizzato gli ultimi dati rilasciati dalla missione Gaia dell’ESA (Agenzia spaziale europea) per misurare con precisione la distanza dalle stelle. I dati combinati hanno rivelato che la struttura lunga e sottile è composta da giovani stelle che si muovono quasi alla stessa velocità e nella stessa direzione attraverso lo spazio. Strutture simili si trovano molto frequentemente in bracci di altre galassie a spirale ma è la prima volta che ne viene scoperta una nella nostra Galassia.

Questa struttura appena scoperta contiene quattro nebulose note per la loro bellezza mozzafiato: la Nebulosa Aquila (che contiene i Pilastri della Creazione ), la Nebulosa Omega , la Nebulosa Trifida e la Nebulosa Laguna.

Qui (da sinistra) sono mostrate le nebulose Eagle, Omega, Triffid e Lagoon, riprese dal telescopio spaziale Spitzer a infrarossi della NASA. Queste nebulose fanno parte di una struttura all'interno del braccio del Sagittario della Via Lattea che sporge dal braccio con un'angolazione drammatica.
Le quattro nebulose sopracitate. Credit: NASA/JPL-Caltech

Questa struttura è un piccolo pezzo della Via Lattea, ma potrebbe dirci qualcosa di significativo sulla Galassia nel suo insieme“, ha detto uno dei coautori del documento, Robert Benjamin, astrofisico dell’Università del Wisconsin-Whitewater

Riferimenti:

Passione Astronomia consiglia...
  • Periodo di prova gratuito ad Amazon Kindle Unlimited grazie a Passione Astronomia clicca qui
  • Lo store astronomico clicca qui

Passione Astronomia partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it