Lo scorso 1° novembre la sonda Lucy ha effettuato il suo primo sorvolo di un asteroide della fascia principale che si è rivelato essere binario.

Il 1° novembre, la sonda spaziale Lucy della NASA ha sorvolato non solo il suo primo oggetto, ma in realtà i primi due asteroidi. Dopo aver risolto i problemi che si erano presentati all’inizio della missione, la sonda ha proseguito il suo viaggio raggiungendo il primo obiettivo. Le immagini restituite da Lucy rivelano che il piccolo asteroide della fascia principale chiamato Dinkinesh – che in lingua amarica signfica “meraviglioso” – è in realtà una coppia binaria. Quando la missione Lucy è stata originariamente selezionata per diventare effettiva, era in programma di sorvolare sette asteroidi. Sono poi stati aggiunti Dinkinesh e altre due lune troiane che, grazie alla natura binaria di questo ultimo oggetto, portano a un totale di 11.

Asteroide binario

Dinkinesh
Foto dell’asteroide binario Dinkinesh ripreso dalla sonda Lucy il 1° Novembre 2023. Credit: NASA/Goddard/SwRI/Johns Hopkins APL/NOIRLab

Nelle settimane precedenti l’incontro della sonda spaziale con Dinkinesh, il team di Lucy si era chiesto se Dinkinesh potesse essere un sistema binario, dato che gli strumenti di Lucy vedevano la luminosità dell’asteroide cambiare nel tempo. Le prime immagini dell’incontro hanno ora tolto ogni dubbio. Dinkinesh è un asteroide binario stretto. Da un’analisi preliminare delle prime immagini disponibili, il team stima che il corpo più grande abbia una larghezza massima di circa 790 m, mentre il più piccolo abbia una dimensione di circa 220 m.

Questo incontro è servito principalmente come test di volo della sonda spaziale, concentrandosi in particolare sul test del sistema che consente a Lucy di tracciare autonomamente un asteroide mentre vola a oltre 10.000 chilometri all’ora, denominato sistema di tracciamento del terminale. Il funzionamento è stato perfetto poiché il sistema di tracciamento è stato in grado di gestire l’incontro con l’asteroide binario che era previsto fosse singolo.

È nato il canale WhatsApp di Passione Astronomia! Iscriviti per ricevere tutti i nostri aggiornamenti

Il primo oggetto di piccole dimensioni

Anche se questo incontro è stato effettuato come test di ingegneria, gli scienziati del team stanno esaminando con entusiasmo i dati per raccogliere informazioni sulla natura dei piccoli asteroidi. Gli scienziati sapevano che questo sarebbe stato il più piccolo asteroide della fascia principale mai visto da vicino e il fatto che in realtà siano due lo rende ancora più importante. Questi asteroidi sembrano simili agli asteroidi binari Didymos e Dimorphos visti da DART, ma ci sono alcune differenze davvero interessanti che saranno esaminate nei prossimi giorni.

Ci vorrà fino a una settimana perché il team possa effettuare il downlink del resto dei dati dell’incontro dalla sonda spaziale. Il team utilizzerà questi dati per valutare il comportamento della sonda durante il sorvolo e per prepararsi al prossimo: l’asteroide della fascia principale Donaldjohanson, che avverrà nel 2025. Lucy sarà quindi ben preparata per incontrare gli obiettivi principali della missione, gli asteroidi troiani di Giove, a partire dal 2027.

Nel suo piccolo, Passione Astronomia ti aiuta a capire come funziona l’universo. E l’universo funziona meglio se le persone che ne fanno parte sono bene informate: se hanno letto sciocchezze, bugie, veleni, poi va a finire come va a finire. Già ora non è che vada benissimo. Ecco perché è importante che qualcuno spieghi le cose bene. Passione Astronomia fa del suo meglio. Abbonati!

Fonte: NASA