Un analisi del rilascio del calore nei cambiamenti stagionali del Pianeta Rosso ha mostrato correlazione con la formazione delle tempeste di sabbia.

Marte è noto per le sue tempeste di sabbia stagionali che a volte possono estendersi fino a coprire l’intero pianeta. Nel giugno 2018, le tempeste di sabbia erano diventate così intense da oscurare la maggior parte della superficie del pianeta e far perdere alla NASA il contatto con il rover Opportunity. Comprendere queste tempeste e cosa le causa è fondamentale per garantire che le missioni robotiche alimentate a energia solare continuino a funzionare e che le future missioni con equipaggio possano rimanere al sicuro.

In particolare, gli scienziati sono alla ricerca dei cambiamenti stagionali, ovvero cambiamenti nell’energia solare assorbita correlati agli aumenti della temperatura, che possono innescare tempeste di polvere e causarne la combinazione e la crescita.

Due immagini del 2001 dal Mars Global Surveyor della NASA mostrano un drammatico cambiamento nell’aspetto del pianeta quando la polvere sollevata dall’attività delle tempeste di sabbia nel sud ha avvolto l’intero pianeta. Credits: NASA/JPL-Caltech/MSSS

Il rilascio del calore

In un recente studio condotto da ricercatori dell’Università di Houston, è risultato che queste tempeste potrebbero derivare da squilibri energetici stagionali in base alla quantità di energia solare assorbita e rilasciata dal pianeta. Questi risultati potrebbero portare a una nuova comprensione del clima e dell’atmosfera del Pianeta Rosso.

Il termine “bilancio di energia radiante” si riferisce alla quantità di energia solare che un pianeta assorbe dal Sole e irradia verso l’esterno sotto forma di calore. Questa è una metrica fondamentale per caratterizzare il clima e i cicli meteorologici di un pianeta. Per il loro studio, il team ha combinato le osservazioni di più missioni come il Mars Global Surveyor (MGS), il rover Curiosity e il lander InSight. Ciò ha permesso di modellare il clima di Marte e stimare la quantità di energia emessa a livello globale in funzione della stagione, compresi i periodi con una tempesta di polvere globale.

Uno dei risultati più interessanti è che l’eccesso di energia, più energia assorbita che prodotta, potrebbe essere uno dei meccanismi che generano tempeste di polvere su Marte“, ha affermato la ricercatrice Ellen Creecy. I risultati hanno rivelato forti variazioni stagionali e giornaliere nella quantità di energia solare irradiata da Marte. In particolare, hanno trovato prove di un forte squilibrio energetico di circa il 15,3% tra le stagioni di Marte, rispetto allo 0,4% sulla Terra. Hanno inoltre scoperto che durante la tempesta di polvere del 2001 che ha circondato il pianeta, la quantità di energia emessa a livello globale è diminuita del 22% durante il giorno ma è aumentata del 29% durante la notte.

Immagine di una tempesta di sabbia marziana scattata il 30 novembre 2010 dal Mars Reconnaissance Orbiter. Credits: NASA/JPL-Caltech/MSSS

Come ha spiegato il dottor Germán Martínez, uno scienziato del personale dell’USRA presso il Lunar and Planetary Institute (LPI) e coautore dell’articolo, in un recente comunicato stampa dell’USRA:

I nostri risultati che mostrano forti squilibri energetici suggeriscono che gli attuali modelli numerici dovrebbero essere rivisitati, poiché in genere presuppongono che l’energia radiante di Marte sia bilanciata tra le stagioni di Marte. Inoltre, i nostri risultati evidenziano la connessione tra tempeste di sabbia e squilibri energetici, e quindi possono fornire nuove informazioni sulla generazione di tempeste di sabbia su Marte”.

Combinati con i modelli numerici del clima di Marte, i risultati del team potrebbero migliorare la nostra comprensione del clima marziano e delle circolazioni atmosferiche. Ciò sarà particolarmente importante per le future missioni con equipaggio su Marte, che la NASA e la Cina sperano di organizzare nel prossimo decennio. Inoltre, questi risultati potrebbero migliorare la nostra comprensione del clima terrestre perché imparare di più sugli altri ambienti planetari porta sempre a una maggiore comprensione del nostro.

Riferimenti: UniverseToday

Passione Astronomia partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it