Grazie alla missione New Horizons della NASA, ora sappiamo come potrebbero essersi formate le strutture vulcaniche presenti su Plutone. Tutti i dettagli di questa incredibile scoperta.

Gli scienziati che seguono la missione New Horizons della NASA hanno scoperto come si sarebbero formati i vulcani presenti su Plutone. In effetti, l’ultimo baluardo del sistema solare presenta caratteristiche fisiche che non abbiamo riscontrato in nessun altro posto, del sistema solare. Potrebbero esserci stati più episodi di criovulcanismo, che avrebbero poi creato queste complesse strutture. Il materiale espulso da sotto la superficie, infatti, potrebbe aver creato una regione piena di alture, tumuli e depressioni. Cerchiamo di capire i dettagli di questa affascinante scoperta.

Plutone
L’attività criovulcanica potrebbe aver creato strutture uniche, sulla superficie di Plutone. Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute/Isaac Herrera/Kelsi Singer

Strutture uniche sulla superficie del corpo celeste

Il team di ricerca ha analizzato la geomorfologia e la composizione di un’area situata a sud-ovest rispetto al ghiacciato “cuore” di Plutone, lo Sputnik Planitia. Questa regione contiene strutture geologiche simili a cupole, che vanno da 1 a 7 chilometri di altezza, ma che a volte si fondono creando strutture più complesse. Colline, tumuli e depressioni circondano l’area e la sommità di questa zona del pianeta. Non ci sono crateri e questo indica che si tratta di una zona geologicamente giovane. Potremmo paragonare le più grandi strutture di quest’area al vulcano Mauna Loa delle Hawaii.

Poiché si tratta di superfici geologicamente giovani, è possibile che Plutone abbia mantenuto calore al suo interno (nonostante le bassissime temperature esterne), consentendo il deposito di materiali ricchi di liquidi. In pratica questi flussi criovulcanici si sarebbero comportati come fanno i ghiacciai sulla Terra, con le loro lingue che scorrono in mezzo alle montagne. Quando nel 2015 la sonda New Horizons ha sorvolato Plutone, ci si è accorti di queste incredibili caratteristiche geologiche del corpo celeste, come montagne, valli, pianure e ghiacciai, uniche nel nostro sistema solare. Ci si aspettava che, a quelle temperature (-233° Celsius), ci fosse un mondo ghiacciato geologicamente inattivo. La natura, invece, sa sempre come stupirci, a quanto pare.

Riferimenti: http://pluto.jhuapl.edu/News-Center/News-Article.php?page=20220329#:~:text=The%20paper%20%22Large%2Dscale%20cryovolcanic,else%20in%20the%20solar%20system

Passione Astronomia partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it