La missione Artemis I sarà documentata a bordo con un imponente set di fotocamere pronte a immortalare ogni fase del volo.

La missione Artemis I è finalmente partita e il razzo Space Launch System (SLS) trasporterà la navicella spaziale Orion oltre la Luna prima di tornare sulla Terra. Per catturare ogni istante del viaggio, il razzo e la navicella spaziale sono dotati di telecamere che raccoglieranno preziosi dati ingegneristici e condivideranno una prospettiva unica del ritorno dell’umanità sulla Luna.

Ci sono ben 24 telecamere disposte sui due vettori – otto su SLS e 16 su Orion – per documentare fasi essenziali della missione tra cui decollo, ascesa, dispiegamento di pannelli solari, ispezioni di razzi esterni, atterraggio e recupero oltre ad acquisire immagini della Terra e della Luna.

Un imponente sistema di monitoraggio

Il sistema di fotocamere della navicella Orion. Credit: NASA

Nell’SLS quattro telecamere attorno alla sezione del motore puntano in alto verso Orion, due telecamere sull’intertank dalla parte superiore dei booster cattureranno la separazione del booster e due telecamere sull’adattatore dello stadio del veicolo di lancio cattureranno la separazione dello stadio centrale. Le otto telecamere eseguiranno ciclicamente una sequenza programmata durante il decollo e l’ascesa.

Sulla Orion, una telecamera esterna montata sull’adattatore del modulo dell’equipaggio mostrerà l’ascesa del razzo SLS, fornendo la visuale verso il basso che il pubblico vede spesso durante i lanci. Un’altra telecamera fornirà una vista dello sgancio del pannello del modulo di servizio e del dispiegamento dell’ala dell’array solare.

Quattro telecamere collegate alle ali del pannello solare del veicolo spaziale sul modulo di servizio aiuteranno gli ingegneri a valutare lo stato generale dell’esterno di Orion e potranno catturare una vista in stile selfie del veicolo spaziale con la Terra o la Luna sullo sfondo.

Gli array possono regolare la loro posizione rispetto al resto del veicolo spaziale, il che ottimizzerà la raccolta della luce solare convertita in elettricità per alimentare Orion. Ciò consente inoltre ai controllori di volo del Mission Control Center della NASA di puntare le telecamere su diverse parti del veicolo spaziale per ispezioni e documentare l’ambiente circostante, comprese la Terra e la Luna.

Una telecamera specializzata sull’adattatore del modulo dell’equipaggio utilizzato per la navigazione ottica e per aiutare a individuare la posizione di Orion nello spazio profondo verrà utilizzata per raccogliere immagini della Luna durante il momento di maggior vicinanza dell’Orion alla superficie lunare. Anch’essa fissata all’adattatore del modulo dell’equipaggio ma puntata verso l’interno, un’altra telecamera è posizionata per catturare immagini dello scudo termico dopo che il modulo dell’equipaggio si è separato dal modulo di servizio prima del suo rientro nell’atmosfera terrestre.

Una visuale simile a quella degli astronauti

La Terra vista dall’esterno della navicella Orion durante la missione Artemis 1. Credit: NASA

All’interno della navicella, altre tre telecamere wireless possono catturare le prospettive che gli astronauti avranno a bordo delle future missioni Artemis, con una telecamera che guarda fuori dal finestrino anteriore del pilota e una seconda che guarda oltre la spalla del sedile del comandante, dove sarà posizionato il quadro strumenti.

Una terza telecamera in cabina guarderà fuori dalla finestra del portello superiore per fornire viste del sistema di sicurezza per l’interruzione del lancio durante la salita, nonché del dispiegamento del paracadute durante l’atterraggio e il recupero.

Sono inoltre presenti due telecamere esterne ad alta velocità dedicate al monitoraggio delle operazioni con il paracadute, che i tecnici scaricheranno ed elaboreranno dopo il volo.

Le immagini e i video raccolti dalle telecamere Orion saranno disponibili in una varietà di formati, dalla definizione standard all’alta definizione e fino al 4K. Ciascuno è personalizzato per un uso specifico e dipende dalla larghezza di banda disponibile durante la missione da inviare sulla Terra o registrato a bordo per essere analizzato al termine della missione.

A causa delle limitazioni della larghezza di banda sul veicolo spaziale che danno la priorità alla trasmissione di dati critici a terra, la qualità del video in live streaming sarà inferiore rispetto alle registrazioni a bordo. Di conseguenza, alcune delle visualizzazioni di qualità più elevata potrebbero non essere ricevute fino a quando non sono state registrate e possono essere trasmesse alla Terra.

Il campo visivo di ciascuna telecamera è stato ottimizzato per guardare la navicella spaziale, non lo spazio profondo, e le immagini per il volo Artemis I dipenderanno da una varietà di fattori come l’illuminazione, l’orientamento della navicella e le capacità di comunicazione durante le diverse fasi della missione.

Le immagini catturate durante la missione saranno diverse da quelle che l’umanità ha potuto vedere durante le missioni Apollo, ma catturare eventi fondamentali come il sorgere della Terra, la distanza più lontana di Orione dalla Terra e il sorvolo lunare sarà una priorità assoluta. Orion trasporterà anche telecamere che fanno parte di una dimostrazione tecnologica, chiamata Callisto. Il carico utile di Callisto include tre telecamere in cabina che verranno utilizzate per testare le capacità di videoconferenza e potrebbero migliorare la capacità del pubblico di immaginarsi all’interno della Orion.

Riferimenti: NASA

Se sei arrivato fin qui è perché hai ritenuto il nostro articolo degno di essere letto fino alla fine. Da sempre Passione Astronomia prova a costruire, attraverso la divulgazione scientifica, una comunità di persone più informate e consapevoli. È anche il motivo per cui abbiamo deciso di scrivere un libro dedicato all’astronomia. È scritto in modo chiaro e semplice, proprio perché per noi la divulgazione deve essere accessibile a tutti. Lo trovi qui.

Grazie!

Passione Astronomia partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it